Progetto We Chair 

Durante il corso We Make 4 All, siamo stati invitati a suddividerci in Team, per ideare, progettare e creare un oggetto che potesse essere utile e funzionale alle persone. 

Dopo lo studio teorico/pratico dei software e dei macchinari presenti nel Fablab, ci siamo dedicati alla fase di brainstorming dove sono emerse le seguenti  proposte:

 

1) Costruzione di un rilevatore per l’analisi dell’inquinamento di luoghi di lavoro saturi di vernici o di altre sostanze chimiche pericolose.

2) Costruzione di un sensore per il calcolo dell’ossigeno prodotto dalle piante domestiche.

3) Costruzione di un sensore per sportivi multifunzione alloggiato nelle suole delle scarpe.

4) Costruzione di una sedia “intelligente” che aiuti le persone a sedersi correttamente e ad avvertire quando la schiena tende ad inarcarsi.

 

L'idea scelta per il progetto è stata l’ultima soluzione.

PREMESSA

Il mal di schiena, con il passare del tempo, diventa sempre più diffuso.

La causa più comune pare sia imputabile principalmente all’impiego di una postura scorretta per diverse ore consecutive al giorno, su sedie non idonee, spesso comunemente presenti in casa o in ufficio.

 

Per rimediare a questa problematica, abbiamo elaborato un dispositivo elettronico che ricordi attraverso sensori e segnali acustici, di fare le giuste pause e di tenere la colonna vertebrale appoggiata correttamente allo schienale.



INFO TECNICHE:

Lo schienale dovrebbe essere perfettamente perpendicolare al suolo, dritto e non inclinato.

Quando si è seduti, l’angolo tra le gambe e la schiena deve essere maggiore di 90° e minore di 120°.

Inoltre, ideale sarebbe poter scaricare il peso del corpo su un poggia-ginocchia e fare una pausa ogni ora alzandosi.


Discussione preliminare sul piano di fattibilità e successiva stesura del diagramma di flusso.

Tempo a disposizione 2 settimane - 5 ore al giorno - 35 ore complessive.


In queste prime fasi del progetto "We Chair", con l'aiuto del nostro diagramma di flusso, abbiamo costruito la prima ramificazione dei collegamenti tra Arduino, la breadboard e le periferiche Imput ed Output.

Il sensore della seduta è ottenuta da un ritaglio di tessuto conduttivo Velostat.


Dopo aver costruito il sensore di seduta, si è passati allo studio del sensore ad infrarossi per la schiena, implementando il primo sketch di Arduino.

Parallelamente si è progettata e laserata la prima versione del box contenitivo della scheda e relativi cavi di alimentazione.


FUNZIONAMENTO:

Quando ci sediamo sulla sedia, un sensore rileva il nostro peso e fa partire una timer di 60 minuti.

Allo scadere dei 60 minuti si accende un allarme che si disattiva solo se nei 10 minuti successivi non siamo seduti.

Inoltre un secondo sensore rivela la distanza tra la schiena e lo schienale.

Se si allontana la schiena dallo schienale oltre la soglia prefissata, si attiva un allarme che si disattiva soltanto se si ritorna nel range corretto.


Durante la presentazione del progetto We Chair, è  stato evidenziato al pubblico il concetto preliminare sull'analisi del bisogno.

Successivamente sono state illustrate tutte le fasi di lavorazione, le problematiche tecniche e le relative soluzioni adottate per giungere alla prototipazione finale di questa sedia in attesa di un suo perfezionamento estetico/meccanico.


Team di lavoro:

Alessandro Zanzottera

Federico Poletti

Michele Camporeale

Nicola Lopopolo

Stefano Colombo

Location:

Fablab WeMake - Milano - Gorla